Dalla Russia con amore (per il gusto!!!)

Proloco Dol RussiaDopo la recensione del Conciato di San Vittore e del progetto D.O.L. (di origine laziale) sulla rivista Time, l’interesse estero, giunto fino in Brasile, ora Proloco Dol, insieme alle migliori pizzerie d’Italia selezionate dal Gambero Rosso è citata persino da portali di informazione in lingua russa!

Russi, americani e per le persone di ogni nazionalità possono ben contare che da Proloco Dol vige la lingua universale del Gusto e del rispetto per il buon cibo così come dell’accoglienza!

E se avete la fortuna di risiedere o lavorare a Roma dunque questo è l’indirizzo segnalato in tutto il mondo: Proloco Dol, in via Domenico Panaroli 35, quartiere romano di Centocelle: aperto tutti i giorni (festivi e domenica esclusi), fino alla mezzanotte. Qui potrete gustare la nostra pizza (solo a cena) e le nostre specialità di stagione e acquistare le eccellenze della produzione di origine laziale.

russiaprolocodol

Annunci

Pro Loco “Di Origine Laziale”, per mangiare con gusto!

D.O.L.Il New York Times, in un articolo ripreso dal sito di informazione Comune Info, pone attenzione sulla “sovranità alimentare”, sul nostro cibo e sui fattori che influenzano le nostre scelte alimentari tra cui l’ambiente, il reddito, la cultura, le sovvenzioni, le tecniche di produzione industriale e la commercializzazione, concludendo che  “affrontare questi vincoli significa mangiare meglio, ma soprattutto implica un cambiamento sociale”.

La bottega del gusto D.O.L. (Di Origine Laziale) è ben cosciente di questo e lavora ogni giorno per rendere disponibile a tutti “una scelta alimentare sana”, senza rinunciare ai piaceri del palato, e consapevole di un progetto che punta a diffondere il concetto di filiera corta, favorendo il consumo critico, la conoscenza e la fruizione dei prodotti del territorio, la tutela delle aziende tradizionali, degli artigiani dell’enogastronomia, e lo sviluppo di forme di agricoltura ecocompatibile. Una selezione diretta dei prodotti tradizionali e tipici compresi quelli che ancora oggi costituiscono una rarità, una  nicchia al limite della produzione familiare, poiché proprio questi ultimi portano un contributo fondamentale alla salvaguardia delle biodiversità.

Le nostre scelte e la qualità dei nostri prodotti ci porta ora a realizzare il progetto “Pro Loco”, garanti di qualità e premiati dalla vostra fiducia in tutte le manifestazioni a cui saremo e a cui abbiamo partecipato (ultima in ordine di tempo “Taste of Roma 2013”, con il post del Gambero Rosso che riporta la nostra presenza).

Potete seguirci sui nostri canali “social”: Twitter (@DOLdigusto) e alla pagina Facebook (DOL – Bottega del Gusto) e potete venire direttamente a trovarci a via Domenico Panaroli, ora al numero 6 e tra poco al numero 35 (stessa via!), a Roma (quartiere Centocelle) per scoprire i prodotti del nostro catalogo e la selezione DOLrarità e specialità dell’enogastronomia del Lazio.

D.O.L… di Gusto… ‘rassegna gastronomica’ e ricette da provare

risotto

Navigando sulla rete tra le news DOLose…  delle ultime settimane, sono tante le notizie che fanno venire l’acquolina. Partirei dal segnalarvi delle ricette assolutamente da provare realizzate da Sciroppo di Mirtilli e Piccoli equilibri

Risotto con gamberetti, formaggio di pecora e prosciutto crudo : Un risotto che unisce un crostaceo, un formaggio e un salume. Io ho utilizzato come formaggio di pecora il Pecorino di Picinisco Scamosciato che è un prodotto proveniente dalla Ciociaria, ed è inserito nell’elenco dei prodotti tradizionali della Regione Lazio. Il Pecorino di Piscinisco ha un sapore dolce piccante molto particolare. Come prosciutto crudo ho utilizzato, sempre un prodotto del Lazio, quello di Montefiascone. La particolarità di questo prosciutto è la stuccatura; la sugna è aromatizzata con aglio e spezie. Entrambi i prodotti li ho acquistati da D.O.L.(“Di Origine Laziale”®), dove in genere mi servo per i salumi, formaggi e altri prodotti alimentari tipici della mia regione. [CONTINUA A LEGGERE LA RICETTA]

Da provare poi i Vermicelli con pesto di salvia e guanciale … di Bassiano!

Il Gambero Rosso ricorda poi la nostra partecipazione a Vinointorno ad Olevano Romano.

“Si è svolta sabato 22 giugno 2013, la prima rassegna gastronomica di Olevano Romano Vinointorno, raccogliendo un notevole successo in particolare dalla popolazione locale e dagli abitanti dei paesi vicini ad Olevano. La manifestazione nel corso del suo svolgimento si è trasformata in una vera e propria festa enogastronomica popolare, fuori dai soliti circuiti e in grado di avvicinare ai prodotti di qualità anche chi normalmente non è del settore (…). Rimanendo sul fronte gastronomico dell’evento sono da citare i prodotti selezionati del Lazio portati da Vincenzo Mancino della Gastronomia D.O.L. Di Origine Laziale, che ha sorpreso tutti con il suo nuovo salame cotto realizzato con l’Azienda Villa Caviciana, preparato partendo da un’antica ricetta di Apicio. Mancino ha proposto anche il suo famoso formaggio conciato di San Vittore a latte di pecora ricoperto da circa 18 erbe spontanee e spezie e il pungente caprino nobile dell’Azienda Agricola Monte Jugo “Ciambella”.

Buona Golosità a tutti!

E vi aspettiamo da D.O.L.

Rassegna Golosa… Di Origine Laziale

vincenzo mancinoPronti per le scampagnate dei ponti? Vi aspettiamo da DOL per prepararvi… il pranzo (o la cena) al sacco! Intanto riportiamo qui un po’ di notizie golose. Non riusciamo a riportarle tutte ma vorremmo ringraziare tutti, ma proprio tutti coloro che ci aiutano a diffondere il DOL pensiero… e soprattutto Gusto!

Il Dissapore e Vincenzo Pagano su Scatti di Gusto hanno reso l’immagine golosa della nostra partecipazione dei sapori Di Origine Laziale nei rosettoni.

Così Pagano su Scatti di Gusto:

Secondo assaggio con il formaggio erborinato e il guanciale cotto nel vino proposto da Vincenzo Mancino di Dol. La via contemporanea al classico panino romano che ha esaltato l’abbinamento proposto dall’affinatore-produttore di stanza a Centocelle con il suo shop.

Su Dissapore si racconta:

Oltre a Raffaele Barlotti, lo zampino ce lo ha messo anche Vincenzo Mancino, tenutario di Dol, luogo di assoluta perdizione per chi fa del campanilismo alimentare la sua bandiera (dol = di origine laziale). L’erborinato e soprattutto il magico guanciale che lava e cuoce nel vino erano una fucilata nel rosettone.

Risaliamo un po’ nel mese di aprile… Adriano Desideri, su Scatti di Gusto, ricorda il gusto Di Origine Laziale allo Spring Beer Festival di Roma, di qualche settimana fa:

Oltre 15 birrifici artigianali italiani e non con il Lazio a far bella presenza, circa la metà dei birrifici presenti arrivava dalla regione. Ad accompagnare la birra i prodotti del territorio: salumi, porchetta e formaggi. Molte le golosità scelte con cura da D.o.l (Di Origine Laziale).

Ove, se ve non c’eravate vi siete persi il Laboratorio”Lazio: Alle radici del gusto” Pane, salumi, formaggi e olio….basta poco quando è buono!!” con Vincenzo Mancino di DOL (Di Origine Laziale).

Sconfiniamo a marzo, con i saporiti ricordi di Culinaria 2013.

Senza Panna ci ha immortalato nello scatto che è in questo post (grazie!).

Ponciani, su Streatit:

 Il nostro ingresso nello spazio del mercato rionale coperto della Garbatella è stato subito rallegrato dall’incontro con Vincenzo Mancino di d.o.l. (di origine laziale)  che oltre a farci degustare il suo famoso e buonissimo conciato di San Vittore, che torneremo sicuramente a comprare nella sua Bottega del Gusto, non ci ha fatto mancare copiosi sorrisi e tanta simpatia.

E poi Lorenzo Sandano su Le vie del gusto:

Sicuramente uno dei banchi che ha richiamato maggiormente l’attenzione è stato quello della Gastronomia D.O.L. di Centocelle (Di Origine Laziale) dell’esperto gastronomo e selezionatore di prodotti Vincenzo Mancino.

In degustazione durante la nostra visita abbiamo trovato l’ormai famoso, unico e inimitabile Conciato di San Vittore: un formaggio a latte crudo ovino, profumatissimo e particolare vista la sua concia composta da numerose erbe (circa 18) dei monti Aurunci, raccolte ancora a mano, che vanno a comporre un bouquet di profumi avvolgenti e profondi.

Poi l’eccellente Prosciutto di Bassiano tagliato al coltello, fatto ancora con una antica ricetta e una lenta produzione; il pungente e particolarissimo “BiirCiis” realizzato con la birra del Lazio “‘Na Biretta”, il goloso e scioglievole Fiocco della Tuscia con la sua crosta muffita edibile, e per finire una dolce caciottina di Bufala di Amaseno massaggiata con olio ed erbe.

Davvero tutti prodotti di assoluta qualità che testimoniano l’attenta ricerca di Mancino sulle eccellenze del territorio laziale.

Culinaria di DOL su… Le vie del Gusto

Da qualche giorno si è concluso Culinaria ma i sapori sono ancora vivi in chi li ha assaggiati. Grazie a Lorenzo Sandano che su Le vie del Gusto ha fotografato i nostri istanti di sapore…

Sicuramente uno dei banchi che ha richiamato maggiormente l’attenzione è stato quello della Gastronomia D.O.L. di Centocelle (Di Origine Laziale) dell’esperto gastronomo e selezionatore di prodotti Vincenzo Mancino.

In degustazione durante la nostra visita abbiamo trovato l’ormai famoso, unico e inimitabile Conciato di San Vittore: un formaggio a latte crudo ovino, profumatissimo e particolare vista la sua concia composta da numerose erbe (circa 18) dei monti Aurunci, raccolte ancora a mano, che vanno a comporre un bouquet di profumi avvolgenti e profondi.

Poi l’eccellente Prosciutto di Bassiano tagliato al coltello, fatto ancora con una antica ricetta e una lenta produzione; il pungente e particolarissimo “BiirCiis” realizzato con la birra del Lazio “‘Na Biretta”, il goloso e scioglievole Fiocco della Tuscia con la sua crosta muffita edibile, e per finire una dolce caciottina di Bufala di Amaseno massaggiata con olio ed erbe.

Davvero tutti prodotti di assoluta qualità che testimoniano l’attenta ricerca di Mancino sulle eccellenze del territorio laziale.

Continuate a leggere tutto l’articolo QUI

Per venire a provare i nostri prodotti … anche per Pasqua vieni da DOL

I prodotti DOL nel GAS Slow Food Roma. C’è tempo fino al 20 Marzo.

slow gas

Nel GAS di Slow Food Roma di questa settimana questa settimana c’è DOL!

Ordini entro il 20 marzo

Cari Soci ed amici di Slow Food Roma,
eccoci di nuovo in pista per rilanciare il GAS (Gruppo di Acquisto Solidale) di Slow Food Roma con nuove ed importanti novità.

Anzitutto, testeremo un nuovo punto di scarico per venire incontro a chi abita in zona centro/Roma nord. Per questa volta ci spostiamo presso il GELATO BISTROT di Circonvallazione Trionfale 11 (50 metri da Piazzale degli Eroi) che Sabato 23 Marzo dalle 11.00 alle 13.00 ci ospiterà all’interno del suo locale dove potrete provare il loro famoso APERIGELATO.

Anche per i prodotti c’è qualche novità visto che la Pasqua si avvicina: avremo per questo volta oltre al Pane Nostrum di Gabriele Bonci (pagnotta di 2Kg disponibile a 3.5 €/KG – pezzatura minima 1 Kg) ci sarà anche l’imperdibile Torta al Formaggio Pasqualina, sempre di Bonci, che annovera tra i suoi ingredienti formaggi di piccoli produttori del Lazio ed uno speciale parmigiano reggiano stagionato 36 mesi BIO. Prezzo: 500 g. a 10€, 1 Kg a 18€.

Abbiamo una novità per quanto riguarda l’olio BIO che, solo per questa data, verrà fornito dall’azienda calabrese Catanzaro Giuseppe che propone una lattina da cinque litri al prezzo di 25€. Il produttore sarà personalmente presente al Bistrot per una degustazione. Provare prima di acquistare si può.

Per il vino la proposta che vi facciamo riguarda un ottimo Morellino di Scansano BIO prodotto dall’azienda I Botri di Ghiaccioforte. Prezzo a bottiglia: 6€. Anche in questo caso sarà presente il produttore per una degustazione.

I formaggi e i salumi questa volta saranno forniti da Vincenzo Mancino, neo produttore laziale, che fornirà conciato di San Vittore 16€/KG (minimo mezza forma pari a 400 grammi), biirciis – formaggio con la birra artigianale Turbacci 15€/KG (minimo mezza forma pari a 400 grammi), pecorino scamosciato 14€/KG (minimo mezza forma pari a 400 grammi) e salame corallina (600g a 10€).
 
L’ultima novità riguarda l’Azienda Agricola Poggi che propone le sue farine macinate a pietra e i suoi legumi. Listino in fono alla pagina.

Speriamo di vedervi in tanti e, mi raccomando, avete tempo fino a mercoledì 20 Marzo per ordinare via mail. Altrimenti ci vediamo al Gelato Bistrot per un brindisi di Pasqua.

Ordini a gas@slowfoodroma.it, lasciate sempre un vostro recapito telefonico.

Tutte le info CLICCANDO QUI

D.O.L il Corriere della Sera!

Corriere della Sera

Il Corriere della Sera racconta la notizia, pubblicata anche sul “Time Magazine”, su Teodoro Vadalà e il Conciato di S.Vittore, delizia unica che si può trovare da D.O.L (a via D. Panaroli 6 a Roma – Centocelle: D.O.L. “La Bottega del Gusto”), “salvato” da Vincenzo Mancino, “ricercatore del gusto” e anzi, ispirazione iniziale alla sua attività di scelta, cura, vendita a commercializzazione dei prodotti di qualitàdi origine laziale, a Km zero, e delle rarità gastronomiche.

Riproponiamo qui un approfondimento video del Conciato di S. Vittore raccontato da Vincenzo Mancino.

Di seguito l’articolo del Corriere della Sera:

Il casaro che finì sul «Time»
grazie al formaggio dell’Agro Pontino

Salvato dai gourmet e da un ricercatore del gusto il Conciato di San Vittore: 15 spezie e una ricetta antica; il produttore Teodoro Vadalà sulle pagine del settimanale Usa

ROMA – Dalle campagne dell’Agro Romano alle pagine patinate del prestigioso Time Magazine. La parabola del casaro Teodoro Vadalà che lavora ancora il Conciato di San Vittore, raro formaggio coperto da una miscela di 15 spezie raccolte sui Monti Aurunci, rilancia sulla stampa internazionale il valore delle micro produzioni artigianali che fanno del Lazio una delle regioni più ricche in termini di tradizioni e cultura. E mette a tacere chi, negli ultimi mesi, aveva accusato il colosso dello slow food Eataly di «industrializzare» il cibo di qualità e le piccole produzioni di nicchia. Si perché la storia di Vadalà è finita sul «Time» grazie agli scaffali del nuovo Beaubourg del cibo inaugurato a Roma nell’ex Terminal Ostiense, ai suoi clienti gourmet e, in particolare, ad un consulente: quel Vincenzo Mancino che qualche anno fa – come segnalava il Corriere della Sera nel 2006 – inventò Dol, Di Origine Laziale, la linea di prodotti della bottega di Centocelle.

[…]

Leggi l’articolo completo su: http://roma.corriere.it/roma/notizie/tempo_libero/13_gennaio_22/casaro-che-fini-su-time-2113653510756.shtml