Tradizione, gusto, passione: Proloco Dol su Corriere.it

Dalle pagine del Corriere.it un racconto dedicato a Proloco Dol, alla sua storia, alle sue peculiarità, alla sua quotidianità. Fernanda D’Arienzo (Pecora Nera Editore), nota autrice di guide dedicate alla ristorazione di qualità e alle botteghe del gusto, ripercorre l’avventura di Proloco Dol, iniziata nel 2006, una bottega nel cuore di Centocelle, in cui Vincenzo Mancino cercava di promuovere il concetto di filiera corta proponendo specialità gastronomiche del Lazio.

Dopo più di 10 anni possiamo dire che l’intento è riuscito, tanto che DOL ora è un ristorante a tutti gli effetti, conservando però l’anima della bottega da cui tutto è nato. Un plauso pure per la scelta di rimanere in periferia e valorizzare così un quartiere normalmente fuori dai giri dei gourmet.

L’articolo prosegue valorizzando l’offerta di PROLOCO DOL che crea “l’imbarazzo della scelta”

Il punto di forza della proposta sono ovviamente i salumi e i formaggi, selezionati personalmente da Vincenzo e frutto anche di un nuovo progetto socialmente utile che, sotto il nome di Cibo Agricolo Libero, vede alcune detenute del carcere di Rebibbia coinvolte nella produzione di formaggio. Dal Caciomagno al Conciato di San Vittore, dai vari tipi di pecorino al caprino nobile, passando per il prosciutto di Bassiano e di Guercino fino alla bresaola di bufala

L’ambientazione e l’accoglienza del locale sono accuratamente descritte. Dettagliato anche il resoconto dell’esperienza enogastronomica dell’autrice, una cena variegata il cui piatto centrale, la tagliata di scottona, è stata tanto apprezzata da guadagnare la foto di apertura dell’articolo.

Ringraziamo Fernanda D’Arienzo e il Corriere.it per la recensione e soprattutto per aver saputo cogliere la filosofia e l’entusiasmo di DOL e dello stesso Vincenzo Mancino, il quale

animato da passione e tenacia, ha valorizzato l’enogastronomia laziale come nessuno aveva fatto prima.

Proloco Dol: #amore per il buon cibo e il territorio

Proloco Dol

In questa giornata di S.Valentino non potevamo esimerci dall’esprimere il nostro amore per il gusto e il buon cibo (che si traduce anche in rispetto del territorio e, giorno per giorno, in azioni concrete contro lo spreco alimentare come per la doggy/dolly bag!!!) e dall’omaggiare il nostro primo amore: il Conciato di San Vittore!

Un amore di progetto in progetto: il Conciato di San Vittore a base di latte ovino biologico della campagna romana ed erbe aromatiche dei Monti Aurunci è una ricetta unica tramandata oralmente per secoli e ora “donata con amore” da un anziano produttore di San Vittore alla cooperativa casearia del penitenziario femminile di Rebbibia. Un formaggio che potete trovare da Proloco Dol e con il nome di Cibo Agricolo Libero.

Oltre al Conciato di San Vittore, oggi e non solo, per il vostro partner o semplicemente per amore verso voi stessi e il vostro territorio potrete trovare prelibatezze e rarità enogastronomiche del Lazio nel nostro catalogo “Selezione Di Origine Laziale” e per maggiori informazioni vi invitiamo a scoprire il nuovo sito work in progress  Proloco Dol – Di Origine Laziale oppure le nostre tavole in via Domenico Panaroli 35, a Roma, dal lunedì al sabato!

Conciato di San Vittore: primo amore

Semplicemente amore per il gusto e il buon cibo www.dioriginelaziale.it

Locavori & Bottega del Gusto sul web? Per quattro!

proloco dol blog

Oggi la foto del post è quella del nostro blog per i suoi quattro anni di attività

DOL, ora Proloco Dol – Locavori Di Origine Laziale – La Bottega del Gusto dei prodotti tipici del Lazio ha compiuto quattro anni di presenza sul web con questo blog!

4 anni di blog "di origine laziale"Quattro anni di comunicazione sul cibo di qualità, sulla rispetto dell’ambiente e delle persone, sulla ricchezza e sulla cultura enogastronomica del Lazio.

Per celebrarle una rassegna degli nostri post più letti dall’apertura del nuovo locale in via Domenico Panaroli 35 a Roma alle recensioni dei nostri prodotti o ai nostri video:

 

Alcune curiosità e informazioni:

 

Pro Loco Dol, quando il gusto sale in cattedra

cucinaSono uscite le date per i nuovi corsi Professione Cuoco realizzati dal Gambero Rosso: con materie come “organizzazione della cucina e nuove tecnologie” e “merceologia” che comprende la provenienza, tipologia e la qualità delle materie prime, le caratteristiche dei diversi alimenti, la classificazione dei prodotti fino alle intolleranze e allergie alimentari e tanto altro ancora per una vera e propria “Faculty del Gusto”.  A tal fine il corpo docente è formato da chef professionisti, personaggi di spicco e manager della ristorazione, esperti di merceologie, nutrizionisti e critici enogastronomici: tra questi non poteva mancare Vincenzo Mancino di Pro Loco Dol: realtà da sempre votata alla salvaguardia e alla promozione delle eccellenze e delle rarità dell’enogastronomia “Di Origine Laziale.

Per maggiori informazioni sul corso Professione Cuoco, il link del Gambero Rossohttp://www.gamberorosso.it/virtuemart/scuole-professionali-roma/professione-cuoco2014-06-10-09-16-42-detail

Invece il miglior modo di conoscere il docente “Vincenzo” e le sue professionalità relative al “gusto” è quello di venire a trovarlo da Pro Loco Dol, in via D. Panaroli 35 a Centocelle (Roma), aperto fino a mezzanotte, giorno di chiusura: domenica.