Primavera… le erbe aromatiche del cacio made in Rebibbia

Primavera, momento di risvegli. Profumi intensi e il colore dell’erba nuova anche, a tratti, dentro il paesaggio urbanizzato. Nel tripudio della campagna, i sensi sono ancora più appagati. Tra gli aromi riconosciamo il lauro, il finocchio selvatico, il timo serpillo, il rosmarino, la salvia, il ginepro… Queste erbe aromatiche le ritroviamo, insieme a coriandolo, anice, basilico e pepe nero e bianco, nella conciatura esterna del conciato di San Vittore. Un formaggio antico, di origine Sannitica: erbe e spezie erano state accuratamente selezionate per la loro azione antiossidante, al fine di impedire la proliferazione dei batteri.

Racconta Vincenzo Mancino che la prima volta che assaggiò il conciato sentì profumi mai conosciuti prima, ma capì che erano erbe spontanee e aromatiche quando scoprì che il latte era di razze ovine autoctone del Lazio che pascolavano a 1200-1400 metri (al confine tra Lazio e Abruzzo). Questa ricetta unica fu regalata poco tempo dopo da un coraggioso produttore locale a Cibo Agricolo Libero, la cooperativa casearia che Vincenzo Mancino aveva avviato nel carcere femminile di Rebibbia.

E’ primavera, e i sensi sono affinati. Quale momento migliore per fare esperienza di questo trionfo di aromi, genuinità, tradizione? Venite ad assaggiare il conciato di San Vittore da PROLOCO DOL, in Via Domenico Panaroli, 35 a Roma. Non ve ne pentirete! 😉

Oscar della Ristorazione di Roma: nomination alla pizza di Proloco Dol !

Mangia e Bevi, noto Magazine online di enogastronomia, ristorazione e ospitalità, premierà i migliori professionisti della ristorazione a Roma e nel Lazio con il premio MangiaeBevi: Le eccellenze di Roma e del Lazio, il prossimo 27 marzo.
Nove le categorie dedicate agli operatori del settore: chef, chef under 30, pastry chef, pizza chef, pizza chef under 30, restaurant manager, maitre, sommelier e barman, cui se ne aggiungono altre per l’attività di ristorazione e il giornalismo enogastronomico, come racconta un articolo del Magazine:

Ben 32 categorie, 4 premi speciali, oltre 150 ristoranti e operatori coinvolti. Sono questi i numeri della prima edizione del Premio MangiaeBevi – Le Eccellenze di Roma –  nato come naturale evoluzione della guida MangiaeBevi come riconoscimento e gratificazione di quelle attività di ristorazione e di quegli operatori del settore che si siano distinte/i durante il corso dell’ultimo anno.

Tra i cinque nominati per la categoria MIGLIOR PIZZA CHEF c’è il nostro Simone Salvatori, quotidiano creatore della superba pizza romana di Proloco Dol, già destinataria di svariati premi e riconoscimenti. La pizza di Simone (nella foto) è disponibile tutte le sere, in Via Domenico Panaroli, 35, per chi volesse gustarla e … tifare per la sua vittoria con piena cognizione di causa!!

L’evento MangiaeBevi è patrocinato dalla Presidenza della Regione Lazio e dall’Assessorato allo Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro del Comune di Roma e avrà luogo alle ore 17.30, presso il Teatro Parioli in Via G.Borsi, 20.

#8marzo: “la DOL” con Cibo Agricolo Libero festeggia insieme alle donne del carcere di Rebibbia

Cibo Agricolo Libero | Proloco DolIl progetto del caseficio “Cibo Agricolo Libero” nasce all’interno del carcere di Rebibbia, sezione femminile.

Noi della Proloco DOL abbiamo tentato a nostro modo di entrare in contatto con le detenute dando vita alla realizzazione di un caseificio che abbiamo chiamato “cibo agricolo libero”.
Pochi sanno che all’interno della sezione femminile di rebibbia c’è una vasta parte di terreno coltivata con metodo biologico e allevamenti di animali come pecore, conigli, polli e tacchini. In questo contesto in cui le mura di recinzione sembrano lontane, è diventata realtà il nostro progetto di caseificio. In questa vera e propria azienda agricola lavorano già 18 donne e con l’ apertura del caseificio hanno trovato un impiego retribuito altre 4 donne.

Per saperne di più:

In più questa sera siamo lieti di pubblicizzare l’anteprima del film “Terra Terra“,  il campo di grano rubato al carcere. Storie di impegno, di voglia di riscatto, di futuro e libertà che prende forma grazie alla terra e alle mani di chi ci crede, ogni giorno.

Alle 18, al MAXXI (Roma).

Terra Terra | MaXXI

Proloco Dol e Proloco Pinciano e le migliori pizzerie di Roma, tra impasto romano moderno e pizza gourmet

La cucina italiana | Proloco DOLRingraziamo il sito web della rivista La Cucina Italiana per l’articolo di Alessandra Tibollo che nella sua classifica e competizione tra le migliori pizzerie di Roma annovera Proloco Pinciano nella categoria “Impasto Romano Moderno” e Proloco Dol in quella della “Pizza Gourmet”.

Nell’articolo si può leggere:

Da Pro Loco Pinciano, a due passi da Piazza Fiume, c’è un altro indirizzo a metà fra pizza romana moderna e versione gourmet. È uno spin-off di un altro fortunato esempio, Pro Loco Dol, che preferiamo inserire nella categoria successiva (NdR “Pizza Gourmet”). La scelta è giustificata dal formato: tonda classica in questo caso, sulla pala in degustazione nella versione originale di Centocelle. In entrambi i casi, però, i condimenti vengono dall’enorme e succulento bancone di specialità laziali e questo basta a ritenere queste pizze un fortunatissimo esempio di novità gourmet.

E ancora:

[…] esempio dal rapporto qualità-prezzo certamente più popolare è Pro Loco Dol, nel suo locale originario di Centocelle. Qui la pizza è servita alla pala, a scelta fra bianca e rossa, ovvero con o senza pomodoro. Purché si scelga la prima o la seconda soluzione (a meno di non prendere più di una pala), è possibile abbinare più gusti, in modo da fare una vera e propria degustazione in tranci.

Onorati di essere tra le migliori pizzerie, vi invitiamo come sempre a “verificare” con il vostro palato, il gusto delle nostre pizze (Da Proloco Dol sono servite soltanto la sera) e dei nostri menù!

Proloco Pinciano si trova in Via Bergamo 18 Roma (www.prolocopinciano.it)

Proloco Dol si trova in Via Domenico Panaroli 35 Roma (www.dioriginelaziale.it)

Omaggio all’olivicoltura

vincenzo-mancino-con-loriana-abbruzzetti

Lo scorso 2 febbraio presso la sede della Confagricoltura a palazzo Della Valle in Roma si è tenuta la premiazione dei finalisti del Concorso culturale intitolato a Ranieri Filo della Torre, direttore del Consorzio Olivicolo Italiano. Elia Fiorillo, in rappresenza del Sindacato scrittori, ha così introdotto l’evento:

Il premio è un’occasione d’unità vera del settore per fare cultura, (…) per “ri-scoprire” i valori propri del mondo agricolo, con i suoi riti e le sue leggende, con le storie e i canti che parlano di eroi e di briganti, ma anche e soprattutto di solidarietà.

L’evento è stata promosso dall’Associazione Pandolea, che riunisce donne imprenditrici di piccole e medie imprese produttrici di olio extravergine di qualità. Obiettivo del premio era proprio di esaltare sul piano artistico il mondo dell’olivicoltura.

Vincenzo Mancino di PROLOCO DOL, da sempre vicino ai produttori e produttrici dell’olio, ha sostenuto l’iniziativa offrendo agli oltre 150 partecipanti un ottimo buffet tutto rigorosamente di origine laziale.

Tra gli enti patrocinatori dell’evento figurano Fico Eataly World, Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio, Università degli Studi Mediterranea Reggio Calabria – Dipartimento di Agraria, Università degli Studi di Napoli Federico II – Dipartimento di Agraria, Università degli Studi di Perugia – Dipartimento di Scienze Agrarie, Consorzio Mangiare Italiano, Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali.

Nella foto in alto Vincenzo Mancino con Loriana Abbruzzetti Presidente dell’Associazione Pandolea.

premiazione-filo-della-torre

 

Proloco Dol: #amore per il buon cibo e il territorio

Proloco Dol

In questa giornata di S.Valentino non potevamo esimerci dall’esprimere il nostro amore per il gusto e il buon cibo (che si traduce anche in rispetto del territorio e, giorno per giorno, in azioni concrete contro lo spreco alimentare come per la doggy/dolly bag!!!) e dall’omaggiare il nostro primo amore: il Conciato di San Vittore!

Un amore di progetto in progetto: il Conciato di San Vittore a base di latte ovino biologico della campagna romana ed erbe aromatiche dei Monti Aurunci è una ricetta unica tramandata oralmente per secoli e ora “donata con amore” da un anziano produttore di San Vittore alla cooperativa casearia del penitenziario femminile di Rebbibia. Un formaggio che potete trovare da Proloco Dol e con il nome di Cibo Agricolo Libero.

Oltre al Conciato di San Vittore, oggi e non solo, per il vostro partner o semplicemente per amore verso voi stessi e il vostro territorio potrete trovare prelibatezze e rarità enogastronomiche del Lazio nel nostro catalogo “Selezione Di Origine Laziale” e per maggiori informazioni vi invitiamo a scoprire il nuovo sito work in progress  Proloco Dol – Di Origine Laziale oppure le nostre tavole in via Domenico Panaroli 35, a Roma, dal lunedì al sabato!

Conciato di San Vittore: primo amore

Semplicemente amore per il gusto e il buon cibo www.dioriginelaziale.it