Filiera corta una scelta consapevole

Filiera corta e kmzero, vi raccontiamo quanto sia importante per noi il concetto di filiera corta nella produzione dei cibi.

La filiera corta  è caratterizzata da un numero limitato e circoscritto di passaggi produttivi, e in particolare di intermediazioni commerciali, che possono portare anche al contatto diretto fra il produttore e il consumatore (cit. wikipedia); il Kmzero invece è il commercio che propone al consumatore solo cibi prodotti nella stessa area di produzione. Queste due tipologie economiche scavalcano il modello industriale, fatto prevalentemente di prodotti e materie prime che non tengono conto di territorialità e particolarità geografica del prodotto. Quando il 28 gennaio del 2006 Vincenzo Mancino apre a Centocelle Proloco D.O.L. lo fa proprio con l’intento di diffondere il concetto di filiera corta favorendo così la conoscenza e la fruizione di prodotti del territorio.

Siamo sempre più consapevoli che l’amore per la terra e i territori e premiare l’artigianalità gastronomica, quella che ancora oggi è costituita da una nicchia di produttori al limite della produzione familiare, sia stata ed è tutt’oggi una scelta che ci rende orgogliosi. Sarà che oggi ricorre San Valentino, festa degli innamorati, ma noi di D.O.L. l’amore per il cibo ed il consumo critico ce l’abbiamo sempre, e soprattutto da sempre ci piace condividerlo con voi.

Consumare criticamente significa anche investire criticamente, favorendo il lavoro nella periferia e acquistando da piccole aziende agricole a rischio chiusura, per combattere in questo modo la globalizzazione dei mercati e la standardizzazione dei sapori.

http://www.dioriginelaziale.it

 

Ogni giorno ci innamoriamo e speriamo di far innamorare anche voi della bellezza e delle eccellenze del territorio laziale.

 

Annunci

Chi ama il buon cibo lo rispetta

enogastronomia Proloco DOL

Lo scorso lunedì si è celebrata la Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare, che ricorre il 5 febbraio di ogni anno. Fu istituita nel 2013 dal ministero dell’Ambiente, mentre è del 2016 la legge che ha come finalità la riduzione degli sprechi nelle fasi di produzione, trasformazione, distribuzione e somministrazione di prodotti alimentari e farmaceutici e che ne disciplina la distribuzione e donazione a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi (Legge 166/2016).

Anche Proloco Dol contribuisce a questo prezioso obiettivo, a partire dalla profonda conoscenza del cibo che sceglie di proporre e raccontare ai propri clienti, del lavoro che la produzione di quel cibo comporta e delle risorse naturali che ha utilizzato.

La passione di Proloco Dol per il buon cibo si esprime anche nella prevenzione dello spreco.

PROLOCO DOL ha scelto di valorizzare una enogastronomia artigianale a kilometro zero che difficilmente corre rischi di spreco nel processo di produzione: esso viene gestito da piccoli produttori, spesso con metodi antichi che hanno il pregio di salvaguardare la qualità delle materie prime e l’ecosistema di riferimento, regalandoci prodotti di eccellenza.

Poi, nel momento della somministrazione e del consumo presso il proprio ristorante a Centocelle, PROLOCO DOL da sempre offre ai propri avventori la possibilità di portare via ciò che non è stato mangiato, tramite la DOLly Bag.

Secondo il rapporto dell’osservatorio Waste watcher in Italia ogni anno una famiglia getta via 84.9 kg di cibo. PROLOCO DOL è consapevole che un cambiamento può e deve avvenire nei comportamenti quotidiani, attraverso un consumo ragionato e una alimentazione più sana e a basso impatto ambientale: e condivide questa consapevolezza con i propri amici e clienti, ogni giorno.

formaggi di PROLOCO DOL

Centocelle e dintorni: perchè la periferia è bellezza

Quando si parla di Roma le prime immagini che vengono in mente sono sicuramente il Colosseo, San Pietro, l’altare della Patria, poi ci sono le periferie, quelle invece nell’immaginario collettivo in genere sono poco illuminate e con grandi palazzi che accolgono lavoratori stanchi a fine giornata.

Eppure le periferie sono in molti casi il cuore pulsante del cambiamento, da lì spesso partono e prendono vita progetti collettivi volti a fare economia di rete, ed è così che nascono piccoli spazi di eccellenza che risplendono e fanno risplendere periferie che poi tanto buie non sono. Quando nel 2006 Vincenzo Mancino inaugura Proloco D.O.L. lo fa con la passione di chi ha voglia di far conoscere l’artigianato gastronomico laziale, punta su eccellenze che rischiavano di andare perse, come il Conciato di San Vittore, e ancora scommette sulle potenzialità della rete e della filiera corta. Oggi D.O.L. è una realtà solida che offre ai suoi clienti il meglio della sua selezione nei prodotti in vendita al banco gastronomia, ed ogni giorno, propone una ricca cucina a pranzo e a cena; non ha di certo tralasciato l’importanza di far rete fra le realtà imprenditoriali che nel tempo sono fiorite nel quadrante Sud-Est della capitale, e non solo, così sono nate le collaborazioni con altri ristoratori. Oggi i prodotti Proloco D.O.L. ed i formaggi di Cibo Agricolo Libero possono essere assaporati da 180g Pizzeria Romana nel quartiere di Centocelle, dove i salumi che mangerete sono di Origine Laziale

Tanti buoni motivi e tanto buon cibo da provare in periferia, lì dove nascono progetti e dove l’energia corre veloce.

Perchè anche la Periferia è Bellezza, parola di Proloco D.O.L.

Proloco D.o.l. è anche un piacere pomeridiano

 

 Proloco D.o.l. sa trovare sempre nuovi modi per coccolare i propri amici e clienti. In previsione dell’avvicinarsi dei mesi freddi, in ottobre è stato attivato un servizio di ristorazione pomeridiano, la Sala da Tè.

Dal lunedì al venerdì i cuochi di Proloco D.o.l. preparano torte e dolci con i consueti ingredienti cari a D.o.l. (di origine laziale!). Queste bontà possono essere degustate insieme a una tisana da agricoltura biologica a chilometro zero, per esempio a base di malva, achillea, alloro, biancospino… Il Lazio offre una grande presenza e varietà di queste preziose piante officinali, tesori culinari (e medicinali).

Oppure, mangiando i biscotti appena sfornati, si può sorseggiare una tazza di del commercio equo e solidale, altro alimento di ottima qualità, prodotto secondo tecniche dell’agricoltura tradizionale (spesso certificato bio) e che rispetta l’idea della filiera corta, dal momento che tra produttore e consumatore c’è solo un ente di importazione, senza i tanti intermediari che di solito accompagnano le materie prime che arrivano da lontano.

Insomma una pausa pomeridiana coi fiocchi, quella proposta da D.o.l., vincente in tema di gusto, di ambiente e di etica. La Sala da Tè vi aspetta dalle 17 alle 19:30 dal lunedì al venerdì in Via Domenico Panaroli, 35.

Cibo Agricolo Libero compie due anni: ecco le specialità realizzate nel caseificio di Rebibbia

 

Due anni intensi, fatti di dedizione al lavoro e formazione continua, ma anche di passione e amore per il formaggio di qualità: è un compleanno speciale quello di Cibo Agricolo Libero, il progetto realizzato da Vincenzo Mancino all’interno della Casa Circondariale Femminile di Rebibbia. Un caseificio che ha ridato speranza alle detenute – una speranza tangibile e fattuale – mettendole nella condizione di apprendere competenze, di imparare un lavoro, di realizzare qualcosa di concreto per il proprio futuro al di fuori delle mura carcerarie.

 

Ma Cibo Agricolo Libero non è “solo” un progetto di solidarietà: si basa sulla formazione certosina che proprio Vincenzo ha messo in campo, sulla capacità delle detenute di organizzare la produzione, sulla costruzione di una vera e propria filiera corta che porti i formaggi di alta qualità realizzati all’interno del carcere sulle tavole romane. Da Proloco Dol, locale di Centocelle dove le specialità di Cibo Agricolo Libero sono sempre disponibili, questi straordinari formaggi sono arrivati nelle migliori gastronomie e nei ristoranti capitolini, sono stati scoperti dai gruppi di acquisto e dai mercati locali, sono stati apprezzati dal pubblico dei foodies.

 

I formaggi di Cibo Agricolo Libero

Ma quali sono i prodotti di Cibo Agricolo Libero e che caratteristiche hanno? La prima e più importante è l’alta qualità della materia prima, il latte, rigorosamente crudo, che permette a questi formaggi di sviluppare caratteristiche organolettiche specifiche, acquisendo sfumature di sapore e note aromatiche uniche. In particolare, per i vaccini le detenute utilizzano Latte Nobile certificato acquistato dall’azienda La Frisona di Segni.

Come il LatoXlato, un formaggio a pasta semi-dura dal color avorio, che sprigiona al naso profumi di latte e burro fuso che si mescolano a un sentore vegetale, o il Candidum, formaggio dalla pasta morbida che restituisce una sensazione piacevole al palato, con i suoi sentori vegetali e di frutta secca. O ancora il Fico Nobile, una pasta semi-dura prodotta con caglio vegetale, avvolta in foglie di fico, che al palato libera i profumi tipici regalati dall’affinatura, e Hathor, formaggio a pasta semi-dura, con il suo sapore dolce e allo stesso tempo tendente al salato, che emana profumi fungini propri del penicillum candidum che ricopre la sua crosta.

Ma qui si producono anche ottimi pecorini, come il Conciato di San Vittore, formaggio quasi estinto letteralmente salvato da Vincenzo Mancino: un prodotto unico nel suo genere, dalla storia antichissima, conciato con 15 spezie diverse fra cui ginepro, lauro, timo serpillo, finocchio selvatico, coriandolo, salvia, pepe nero e bianco, basilico, rosmarino e anice. E il pecorino in vinacce – dall’evocativo nome Na Vitaccia – conciato con le vinacce dell’azienda agricola Marco Carpineti, che regala un gusto sapido e leggermente piccante, dalla forte persistenza, che sfuma nei caratteristici sentori vinosi e persiste al palato.

Potete trovare i formaggi di Cibo Agricolo Libero presso Proloco Dol, nel quartiere Centocelle (via D. Panaroli 35), ma anche a Rebibbia, grazie al banco di vendita di via Bartolo Longo, gestito da una delle ex detenute inserite nel progetto. Inoltre, da qualche mese questi incredibili prodotti sono disponibili anche sulla piattaforma dedicata ai gruppi d’acquisto L’Alveare che dice si. Buon appetito!

Proloco DOL: sapere, assaporare, bene stare :)

Per Proloco Dol è un autunno straordinariamente ricco di eventi e iniziative. Vincenzo Mancino e la sua squadra ci prendono per mano e ci accompagnano alla scoperta delle eccellenze laziali, ricche di gusto e tradizione.

Si è appena concluso il Corso di avvicinamento alla Birra, che affiancava alla degustazione approfondimenti su materie prime, tecniche produttive, storia e metodi di conservazione. Continuano, ogni giovedì alle 20, le serate di degustazione dedicate ai vini dei migliori produttori del Lazio, serate condotte dagli stessi vinificatori. Da martedì scorso (oggi alle 20 secondo appuntamento!) un Corso di Avvicinamento ai Formaggi ci propone un laboratorio sensoriale e tante informazioni su questo cibo antico con la guida del tecnico casaro Donato Nicastro. Ma niente paura, a grande richiesta a breve partirà la seconda edizione: dal 30 novembre al 7 dicembre, ogni giovedì sera dalle 20 alle 22. Questa volta, sarà Vincenzo Mancino in persona a condurre i giochi: per ogni informazione o per iscrivervi scrivete a dol@dioriginelaziale.it. 

Con questi incontri Proloco DOL ci offre occasioni e strumenti per affinare i nostri sensi, per accrescere la nostra cultura enogastronomica e per migliorare le nostre doti di consumatori consapevoli, realmente in grado di riconoscere la qualità in quello che mangiamo e beviamo.

Consapevolezza, appagamento del gusto e benessere potrebbero essere le chiavi di questo percorso. Giusto un anno fa lo stesso Vincenzo Mancino, invitato a intervenire durante Big&Small, evento dedicato a distribuzioni, imprese e filiere italiane, così riassumeva l’approccio di DOL:

“A me piace immaginare che il cliente continui ad avere una sua ricerca (…) che risvegli la sua capacità di dare al cibo il senso del nutrimento – il cibo è anche salute”

Non perdete allora queste opportunità! Potete seguire le iniziative di Proloco Dol sulle nostre pagine Facebook, Dol Di Origine Laziale e Proloco Dol Centocelle oppure passare a informarvi in via Domenico Panaroli n° 35, a Centocelle naturalmente!

Da D.O.L. arrivano i Gassettoni Famiglia

Da Proloco D.O.L. arrivano i Gassettoni Famiglia, il meglio della carne e dei formaggi a km 0 da consumare a casa.

Per farvi assaporare il meglio dei prodotti a marchio D.O.L. abbiamo creato tre proposte di carne e formaggio Nobile da ritirare direttamente in negozio in via Domenico Panaroli 35 dalle ore 16.00 in poi del mercoledì di ogni settimana.

Le proposte pensate per voi sono:

• FORMAGGIO NOBILE – contiene una selezione di formaggi di Latte Nobile che ogni giorno produciamo nel caseificio Cibo Agricolo Libero all’interno del carcere femminile di Rebibbia (Prezzo 25€)
• PREPARATI DI CARNE NOBILE (disponibile anche in versione GLUTEN FREE) – contiene hamburger, polpette, fettine e tanto altro, provenienti solo da allevamenti che hanno prodotto Latte Nobile (Prezzo 30€)
• CARNE E FORMAGGIO – contiene una selezione di Formaggio e Carne Nobile (Prezzo 35€)

Potrete prenotare il vostro Gassettone inviandoci una mail all’indirizzo dol@dioriginelaziale.it oppure telefonandoci al numero 06/24300765 entro il lunedì alle ore 19.00, il ritiro come vi ricordiamo avverrà presso il nostro negozio in via D. Panaroli.

Tutti nostri formaggi provengono solo da Latte Nobile e sono prodotti nel nostro caseificio di Cibo Agricolo Libero, così come la nostra carne proviene solo da allevamenti controllati che hanno prodotto Latte Nobile.

Se desiderate scegliere in dettaglio altri prodotti della nostra selezione venite a trovarci in negozio e potrete spaziare dai salumi più particolari come il prosciutto di Bassiano, il Prosciutto di Magalitza oppure il Nero Lucano, sino ai formaggi più sfiziosi come il Conciato di San Vittore. Sfogliate il nostro catalogo online QUI .

Vi aspettiamo per i vostri Gassettoni Famiglia!