Ordinari? Mai. Autentici, sempre!

Proloco Trastevere - post LA CUCINA ITALIANA

Come ben sapete, voi che ci seguite da tempo, per DOL selezionare cibo buono e sano fa parte di un progetto più ampio. Quello di valorizzare l’enogastronomia regionale per dare spazio all’artigianalità lì dove è sinonimo di qualità e tradizione. Questo, in opposizione al cibo industriale, alla massificazione che toglie gusto e valore nutritivo, a una distribuzione di lunga percorrenza che inquina e annulla le identità locali.

Prodotti autentici per pasti non ordinari

Lì dove proponiamo i prodotti selezionati ci piace portare il nostro “valore aggiunto”. E’ stato così a Centocelle, vorremmo che fosse così anche a Trastevere. Un luogo bellissimo che, almeno dal punto di vista architettonico e urbanistico, ancora trasuda storia e tradizione.

A pochi mesi dall’apertura di Proloco Trastevere, la nostra mission ha già qualche attento testimone. In un post uscito sulla versione online de La Cucina Italiana, rivista antica e prestigiosa, siamo citati in una selezione di sette locali che hanno il merito di proporre una cucina romana “non banalizzata”.

Articolo LA CUCINA ITALIANA

L’autrice Alessandra Tibollo inizia con l’individuare una zona trasteverina meno turistica, almeno dal punto di vista dell’offerta culinaria, quella intorno a piazza San Cosimato. La nostra Proloco Trastevere è a pochi metri.

Storia e tradizione, anche nel piatto

Secondo l’autrice, dopo i vari locali Proloco, proprio qui è stata “trovata  la quadra perfetta” forse anche grazie al “tocco femminile che ingentilisce”, quello di Elisabetta, moglie di Vincenzo Mancino. In poche righe e con ironia l’articolo tratteggia le caratteristiche di Proloco Trastevere:

Per gli ultimi marziani che non lo sapessero, Dol è l’acronimo di Denominazione di origine laziale e nasce da un’idea di Vincenzo Mancino, che ha raccolto il meglio delle campagne laziali, con una particolare attenzione per il banco di formaggi e salumi. La cucina è di tradizione ed è sempre stata accompagnata dall’ottima pizza, che vanta i tre spicchi della guida pizzerie del Gambero Rosso. (…) Qui, oltre alla sempre ottima selezione vinicola, ci sono anche i cocktail, magari da sorseggiare seduti nei comodi divani all’ingresso, in attesa del tavolo.

Ringraziamo La Cucina Italiana e Alessandra Tibollo; e vi invitiamo tutti a Proloco Trastevere per provare se davvero la nostra carbonara è, come sostiene l’articolo, “tra le migliori della città”!! 😉

Annunci

Mentalità D.O.L…osa

Mentalità D.O.L…osa, perchè?

Perché quando abbiamo aperto nel gennaio 2006 avevamo chiaro cosa volevamo comunicare: fruizione dei prodotti del territorio, tutela di tutte le aziende tradizionali e degli artigiani dell’enogastronomia, fino allo sviluppo di forme di agricoltura ecocompatibile. Dopo 12 anni di attività, di nuovi investimenti e tanti progetti siamo ancora orgogliosamente in cammino, la famiglia D.O.L. si è allargata e ha dato spazio anche alla produzione artigiana casearia con il progetto Cibo Agricolo Libero.

Visto che ci piace fare rete, è importante anche ricordare a tutti i nostri lettori che i prodotti che ogni giorno trovate nella bottega di D.O.L. e al ristorante Proloco D.O.L. provengono da filiera controllata. Per questo in cucina utilizziamo le passate Funky Tomato:  un pomodoro di alta qualità prodotto nel rispetto dei diritti de lavoratori e dell’ambiente.

La prima filiera che inserisce al proprio interno l’elemento culturale, come punto fondamentale e decisivo per immaginare e sperimentare un nuovo modello di produzione. www.funkytomato.it

Il caffè è “Galeotto” prodotto e confezionato, nella torrefazione situata all’interno dell’Istituto Penitenziario Rebibbia Nuovo Complesso di Roma, da persone prive di libertà.

Le birre sono artigianali e prodotte solo con ingredienti di qualità e… fra le eccellenze dell’enogastronomia artigiana del Lazio ci sono anche i nostri formaggi di Cibo Agricolo Libero, caseificio aperto nel 2015 da Vincenzo Mancino nella sezione femminile del carcere di Rebibbia.

Per questo motivo selezioniamo direttamente sul territorio le aziende e i prodotti tradizionali e tipici, compresi quelli che ancora oggi costituiscono una nicchia al limite della produzione familiare, poiché proprio questi ultimi portano un contributo fondamentale alla salvaguardia dei prodotti vegetali e zootecnici regionali. http://www.dioriginelaziale.it

Questi sono solo alcuni dei prodotti che ogni giorno selezioniamo e vi proponiamo nel punto vendita di via Domenico Panaroli 35. Sono frutto di scelte per noi importanti e consapevoli di un consumo critico e di qualità.

Ogni giorno cerchiamo di portare avanti quel progetto DOLoso che ci ha permesso di arrivare fin qui, naturalmente un ringraziamento va a voi che lo condividete e lo fate crescere quotidianamente.

Stay D.O.L. !!

 

 

Comunicazione di servizio: Proloco Dol resterà chiusa per la pausa estiva dal 6 al 27 agosto

Informiamo che Proloco Dol sarà chiusa per pausa estiva a partire da domenica 6 agosto fino a domenica 27 compresa. Sabato 5 agosto l’apertura sarà limitata a metà giornata.

Dunque se volete ancora gustare qualche rarità laziale, o assicurarvela per assaporarla o regalarla in occasione di Ferragosto approfittate di oggi e domani (dal mattino fino a …mezzanotte!) e della mattinata di sabato.

E poi …ci rivediamo lunedì 28 agosto con la nostra enogastronomia di altissima qualità e a filiera corta con prodotti quali il conciato di San Vittore, il prosciutto di Bassiano, le lenticchie di Onano, la nostra ottima pizza romana (la sera) e tanto altro ancora, tutto rigorosamente di origine laziale!

A presto e un buon Ferragosto a tutte e tutti!

Tradizione, gusto, passione: Proloco Dol su Corriere.it

Dalle pagine del Corriere.it un racconto dedicato a Proloco Dol, alla sua storia, alle sue peculiarità, alla sua quotidianità. Fernanda D’Arienzo (Pecora Nera Editore), nota autrice di guide dedicate alla ristorazione di qualità e alle botteghe del gusto, ripercorre l’avventura di Proloco Dol, iniziata nel 2006, una bottega nel cuore di Centocelle, in cui Vincenzo Mancino cercava di promuovere il concetto di filiera corta proponendo specialità gastronomiche del Lazio.

Dopo più di 10 anni possiamo dire che l’intento è riuscito, tanto che DOL ora è un ristorante a tutti gli effetti, conservando però l’anima della bottega da cui tutto è nato. Un plauso pure per la scelta di rimanere in periferia e valorizzare così un quartiere normalmente fuori dai giri dei gourmet.

L’articolo prosegue valorizzando l’offerta di PROLOCO DOL che crea “l’imbarazzo della scelta”

Il punto di forza della proposta sono ovviamente i salumi e i formaggi, selezionati personalmente da Vincenzo e frutto anche di un nuovo progetto socialmente utile che, sotto il nome di Cibo Agricolo Libero, vede alcune detenute del carcere di Rebibbia coinvolte nella produzione di formaggio. Dal Caciomagno al Conciato di San Vittore, dai vari tipi di pecorino al caprino nobile, passando per il prosciutto di Bassiano e di Guercino fino alla bresaola di bufala

L’ambientazione e l’accoglienza del locale sono accuratamente descritte. Dettagliato anche il resoconto dell’esperienza enogastronomica dell’autrice, una cena variegata il cui piatto centrale, la tagliata di scottona, è stata tanto apprezzata da guadagnare la foto di apertura dell’articolo.

Ringraziamo Fernanda D’Arienzo e il Corriere.it per la recensione e soprattutto per aver saputo cogliere la filosofia e l’entusiasmo di DOL e dello stesso Vincenzo Mancino, il quale

animato da passione e tenacia, ha valorizzato l’enogastronomia laziale come nessuno aveva fatto prima.