FORMATICUM: promuoviamo chi salvaguarda la qualità

Formaticum conferenza stampa

L’attesa conferenza stampa di FORMATICUM, mostra mercato di realtà casearie italiane, ormai ai blocchi di partenza, ha avuto luogo nel tardo pomeriggio di ieri presso la sala grande del ristorante Proloco Trastevere.

Ha fatto gli onori di casa Vincenzo Mancino di DOL, mentre era assente per motivi deontologici l’altro organizzatore, La Pecora Nera Editore, la cui mission è valutare e recensire i prodotti esposti alla fiera. Erano presenti alla conferenza due dei produttori che parteciperanno all’evento del 23 e 24 febbraio. Altro relatore della conferenza era Domenico Villani di ONAF, Organizzazione Nazionale degli Assaggiatori di Formaggio.

Una prima edizione con una grande aspirazione

Vincenzo Mancino non ha nascosto la propria emozione per questa prima edizione. Ha evidenziato l’importanza del dare voce agli allevatori produttori, categoria di espositori selezionata per la manifestazione. Persone che si prendono cura dei propri animali ogni giorno, anche a Natale, e, quando occorre, di notte, “come dei familiari”; poi ne trasformano il latte. Una moltitudine di piccole realtà della penisola che  FORMATICUM vorrebbe abbracciare.

Domenico Villani ha evidenziato come si tratti di un evento particolarmente significativo perché unico nel centro sud: proprio in quest’area le realtà produttive, anche di ottimo livello, ricevono ancora poca attenzione. ONAF, partner della manifestazione, nelle due giornate di evento organizzerà sei seminari proprio per accrescere la conoscenza del formaggio dal punto di vista della qualità.

L’importanza della materia prima

Vincenzo Mancino ha rimarcato la coincidenza con l’attualità delle proteste dei pastori sardi, che ancora una volta rivendicano la dignità del primo anello della filiera del formaggio, e del cibo in generale. Chi produce la materia prima è spesso ignorato e, di conseguenza, sfruttato.

Anche il giornalismo enogastronomico è sempre focalizzato sul prodotto finale e non rende abbastanza conto delle storie dei produttori, il cui lavoro determina la qualità organolettica e la bontà del prodotto. Queste storie esistono, facciamole conoscere, ha detto Vincenzo, e ne ha voluto dare un anticipo ieri dando voce a Marco Borgognoni de La Piccola Formaggeria Artigiana e a Stefano Tozzi e Zsuzsanna Komaroni di Le Caprette di Zsù.

Nei loro racconti l’impegno quotidiano ma anche la precisa scelta di garantire il benessere animale e di utilizzare (per lavorazione e confezionamento) fibre naturali evitando plastiche. E ancora, l’occasione di trainare lo sviluppo di piccoli borghi, e, perché no, di innovare la tradizione casearia locale, come nel caso dell’erborinato di pecora prodotto da Marco.

Aspettando Formaticum…

I formaggi che troveremo a Formaticum non sono merci, sono prodotti alimentari realizzati da persone come loro, prodotti salubri con un prezzo equo. Ci regalano gusti intensi e non comuni e… non scaricano costi ambientali o sociali sulle spalle della collettività. Diamo spazio a questo modo di creare il cibo e il beneficio sarà di tutti.

conferenza stampa FORMATICUM

 

 

Annunci

…(eco)feste “di origine laziale”… “Pro Loco D.O.L.”

pro loco dol e la sostenibilità ambientaleIl termine Pro Loco è un’espressione di origine latina che significa “in favore di un luogo, per il territorio” e questa dizione, che nasce dall’esperienza dei comitati di cura o società di abbellimento del 1800, ha rispecchiato il lavoro di D.O.L. (“Di Origine Laziale”) di  salvaguardia, tutela e valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche e della cultura della regione Lazio, tanto da farlo evolvere in una nuova formula un po’ negozio dove fare i propri acquisti, un po’ bistrot e ristorante dove poter assaggiare le selezioni di salumi e formaggi, vini a KmZero e birre artigianali, pizza romana realizzata a partire da farine laziali… senza dubbio un luogo speciale che ha preso il nome di Proloco Dol.

Così siamo stati lieti di essere stati scelti come fornitori di prodotti enogastronomici da tanti estimatori del mangiare sano e con gusto e ancor più da associazioni e pro loco per le loro iniziative che hanno avuto il pregio e la consapevolezza di offrire cibo di qualità e che ha con sé tutta la storia e le peculiarità dei luoghi.

In più sottolineiamo come il cibo di qualità si accompagna alle buone pratiche volte alla sostenibilità ambientale di eventi come le ecofeste promosse dalla Provincia di Roma: tra queste l’ecofesta di Monterotondo (RM) che per promuovere l’utilizzo dei mezzi pubblici, ha potuto “vincere” un vino non filtrato Cesanese di Olevano Romano, scelto tra i prodotti commercializzati da Proloco Dol.

Per avere maggiori informazioni su Proloco Dol potete venire a trovarci direttamente a via Panaroli 35 a Roma, in più di seguito alcuni link riguardo alla nostra storia e al nostro impegno verso l’ambiente:

Dove trovare un locale e/o negozio con eccellenze enogastronomiche, convivialità, KmZero, attenzione all’ambiente e salvaguardia dei prodotti tipici…?

D.O.L. il marchio di qualità dell’enogastronomia “di origine laziale” ®

Per Pro Loco Dol ogni giorno è la #giornatadellaterra