La qualità e il gusto dei prodotti D.O.L. anche a pranzo

La scorsa settimana Roma Today ci ha dedicato ancora uno spazio, annoverandoci tra sette locali romani cui mangiare bene anche a pranzo: la definizione di Francesca Demirgian per i ristoranti presenti in questa top seven è “intimi, accoglienti, sfiziosi e dove la qualità è di casa, che secondo noi vale la pena provare all’ora di pranzo“.

Al numero uno, in fondo alla top seven, c’è proprio Proloco DOL con i suoi tre indirizzi urbani che ci rendono particolarmente raggiungibili:

Uno a Centocelle, uno in zona Pinciana e il terzo (il più recente) a Trastevere. Se il tuo ufficio si trova in uno di questi 3 quartieri romani, beh, il gioco è fatto. I Proloco DOL sono dei locali accoglienti, molto familiari, dove i prodotti di qualità (tutti provenienti da piccoli produttori del Lazio) sono al centro, perché Vincenzo Mancino – fondatore di DOL – ha voluto valorizzarli portandoli in tavola. Dalle calde zuppe e vellutate ai taglieri di salumi e formaggi, ma anche pasta, secondi di carne e tanto altro.

Ringraziamo Roma Today e Francesca Demirgian per averci scelti e segnalati! E cogliamo l’occasione per raccontarvi i nostri pranzi.

La cucina a Proloco Trastevere, ad esempio, apre alle 12 e chiude alle 15. Ottima soluzione per un pranzo di lavoro o semplicemente… per gratificarsi a fronte delle fatiche della giornata! Per chi va un po’ più di fretta non possiamo che consigliare i nostri classici taglieri con prodotti del Lazio selezionati da D.O.L. nel corso degli anni, come i salumi da suini autoctoni dei Monti Lepini e Reatini. Naturalmente ne fanno parte anche i formaggi di Cibo Agricolo Libero, realizzati con latte ovino crudo biologico. Come il Candidum, formaggio a pasta morbida, con i suoi piacevoli sentori vegetali e di frutta secca. O il Fico Nobile, a pasta semi-dura prodotta con caglio vegetale, avvolta in foglie di fico, e il LatoXlato, a pasta semi-dura, con i caratteristici aromi di latte e burro fuso mescolati a un sentore vegetale.

Si tratta di antiche ricette laziali, come quella dell’ormai rinomato Conciato di San Vittore, tutte sapientemente usate dalle detenute formate nell’ambito del carcere di Rebibbia e regolarmente assunte e retribute. Ma, a Proloco Trastevere, di Rebibbia potete gustare anche i polli biologici (allevati nel cortile interno del carcere), magari per un ottimo brodo che ci riscaldi stomaco e cuore in questi primi giorni di temperature invernali… Insomma, se c’è da valorizzare un buon progetto e un ottimo prodotto… DOL c’è! Premiateci e premiatevi venendo ad assaggiare i nostri piatti, a cena e a pranzo, non ve ne pentirete 🙂

Annunci