Proloco DOL: sapere, assaporare, bene stare :)

Per Proloco Dol è un autunno straordinariamente ricco di eventi e iniziative. Vincenzo Mancino e la sua squadra ci prendono per mano e ci accompagnano alla scoperta delle eccellenze laziali, ricche di gusto e tradizione.

Si è appena concluso il Corso di avvicinamento alla Birra, che affiancava alla degustazione approfondimenti su materie prime, tecniche produttive, storia e metodi di conservazione. Continuano, ogni giovedì alle 20, le serate di degustazione dedicate ai vini dei migliori produttori del Lazio, serate condotte dagli stessi vinificatori. Da martedì scorso (oggi alle 20 secondo appuntamento!) un Corso di Avvicinamento ai Formaggi ci propone un laboratorio sensoriale e tante informazioni su questo cibo antico con la guida del tecnico casaro Donato Nicastro. Ma niente paura, a grande richiesta a breve partirà la seconda edizione: dal 30 novembre al 7 dicembre, ogni giovedì sera dalle 20 alle 22. Questa volta, sarà Vincenzo Mancino in persona a condurre i giochi: per ogni informazione o per iscrivervi scrivete a dol@dioriginelaziale.it. 

Con questi incontri Proloco DOL ci offre occasioni e strumenti per affinare i nostri sensi, per accrescere la nostra cultura enogastronomica e per migliorare le nostre doti di consumatori consapevoli, realmente in grado di riconoscere la qualità in quello che mangiamo e beviamo.

Consapevolezza, appagamento del gusto e benessere potrebbero essere le chiavi di questo percorso. Giusto un anno fa lo stesso Vincenzo Mancino, invitato a intervenire durante Big&Small, evento dedicato a distribuzioni, imprese e filiere italiane, così riassumeva l’approccio di DOL:

“A me piace immaginare che il cliente continui ad avere una sua ricerca (…) che risvegli la sua capacità di dare al cibo il senso del nutrimento – il cibo è anche salute”

Non perdete allora queste opportunità! Potete seguire le iniziative di Proloco Dol sulle nostre pagine Facebook, Dol Di Origine Laziale e Proloco Dol Centocelle oppure passare a informarvi in via Domenico Panaroli n° 35, a Centocelle naturalmente!

Annunci

Cibo Agricolo Libero è anche nell’avventura di Altrove

Ancora una bella storia di inclusione e integrazione legata al buon cibo. Ce la racconta un articolo dell’agenzia Askanews. A Roma, nel quartiere Garbatella, ha aperto un ristorante sociale, “Altrove”  nato da un progetto del Cies, Centro Informazione ed Educazione allo Sviluppo che, tramite il centro di aggregazione giovanile MaTeMù, realizza percorsi gratuiti di formazione sulla gastronomia interculturale rivolti a giovani vulnerabili, italiani, migranti o figli di immigrati tra i 16 a i 24 anni.

La formazione si chiama “MaTeChef”: novanta ore (di cui sessanta specifiche di indirizzo: cucina, sala-bar o pasticceria) cui si aggiunge un tirocinio retribuito presso Altrove o in altri ristoranti di Roma che hanno dato la loro adesione al progetto. Il responsabile della formazione si chiama Lorenzo Leonetti:

“Il rispetto nei confronti delle persone con cui si lavora è la prima cosa che insegniamo da Altrove. A questo si aggiunge il rispetto per le materie prime sia dal punto di vista etico che ecosostenibile, la lotta agli sprechi e l’attenzione ai prodotti di stagione”.

I fornitori di Altrove vengono selezionati secondo gli standard dell’alta qualità e dell’impegno sociale. Così, accanto ai prodotti  Altromercato e Libera Terra e allo yogurt della Cooperativa Barikamà, non potevano mancare i formaggi di Proloco Dol, in particolare quelli di Cibo Agricolo Libero, caseificio della Casa circondariale Femminile di Rebibbia: numerati e senza nome, per evidenziare l’alienazione del carcere, hanno saputo aprire una porta tra il mondo dentro e il mondo fuori.

Porte Aperte sul Mondo è anche la headline di Altrove, a cui facciamo tanti auguri per questa avventura!