Ordinari? Mai. Autentici, sempre!

Proloco Trastevere - post LA CUCINA ITALIANA

Come ben sapete, voi che ci seguite da tempo, per DOL selezionare cibo buono e sano fa parte di un progetto più ampio. Quello di valorizzare l’enogastronomia regionale per dare spazio all’artigianalità lì dove è sinonimo di qualità e tradizione. Questo, in opposizione al cibo industriale, alla massificazione che toglie gusto e valore nutritivo, a una distribuzione di lunga percorrenza che inquina e annulla le identità locali.

Prodotti autentici per pasti non ordinari

Lì dove proponiamo i prodotti selezionati ci piace portare il nostro “valore aggiunto”. E’ stato così a Centocelle, vorremmo che fosse così anche a Trastevere. Un luogo bellissimo che, almeno dal punto di vista architettonico e urbanistico, ancora trasuda storia e tradizione.

A pochi mesi dall’apertura di Proloco Trastevere, la nostra mission ha già qualche attento testimone. In un post uscito sulla versione online de La Cucina Italiana, rivista antica e prestigiosa, siamo citati in una selezione di sette locali che hanno il merito di proporre una cucina romana “non banalizzata”.

Articolo LA CUCINA ITALIANA

L’autrice Alessandra Tibollo inizia con l’individuare una zona trasteverina meno turistica, almeno dal punto di vista dell’offerta culinaria, quella intorno a piazza San Cosimato. La nostra Proloco Trastevere è a pochi metri.

Storia e tradizione, anche nel piatto

Secondo l’autrice, dopo i vari locali Proloco, proprio qui è stata “trovata  la quadra perfetta” forse anche grazie al “tocco femminile che ingentilisce”, quello di Elisabetta, moglie di Vincenzo Mancino. In poche righe e con ironia l’articolo tratteggia le caratteristiche di Proloco Trastevere:

Per gli ultimi marziani che non lo sapessero, Dol è l’acronimo di Denominazione di origine laziale e nasce da un’idea di Vincenzo Mancino, che ha raccolto il meglio delle campagne laziali, con una particolare attenzione per il banco di formaggi e salumi. La cucina è di tradizione ed è sempre stata accompagnata dall’ottima pizza, che vanta i tre spicchi della guida pizzerie del Gambero Rosso. (…) Qui, oltre alla sempre ottima selezione vinicola, ci sono anche i cocktail, magari da sorseggiare seduti nei comodi divani all’ingresso, in attesa del tavolo.

Ringraziamo La Cucina Italiana e Alessandra Tibollo; e vi invitiamo tutti a Proloco Trastevere per provare se davvero la nostra carbonara è, come sostiene l’articolo, “tra le migliori della città”!! 😉

Primavera e a Roma è tempo di vignarola, il piatto rivisitato nella ricetta dello chef di Proloco Dol

Vignarola Proloco DolDopo la nomination (Premio Mangiaebevi 2017 per le eccellenze di Roma e Lazio) al nostro chef Simone Salvatori per la pizza di Proloco Dol, il Gambero Rosso condivide e promuove 3 ricette per la Vignarola, piatto della tradizione romana, rivisitate dai principali chef di Roma, e tra queste la ricetta della “Vignarola con carciofi fritti“, direttamente dall’ingegno delle cucine di via Domenico Panaroli 35, Centocelle a Roma (sede di Proloco Dol ;-)) e che vi riportiamo qui:

Vignarola con carciofi fritti – Proloco DOL

Ingredienti:

2 cipollotti freschi

2 carciofi romaneschi

250 g. di piselli

300 g. di fave

1 cespo di lattuga romana

Olio extravergine di oliva q.b.

Sale fino q.b.

Pepe nero q.b.

Tagliare i cipollotti e lasciarli appassire in un tegame con un filo di olio extravergine di oliva. Aggiungere la lattuga tagliata a listarelle. Friggere i carciofi in abbondante olio bollente e tenere da parte. Coprire il tegame e lasciar cuocere il tutto a fuoco lento, aggiungendo di tanto in tanto un po’ di acqua (in sostituzione si può utilizzare il brodo vegetale per conferire più sapore al piatto). Unire, per ultimi, fave e piselli e continuare a cuocere per altri 20/30 minuti. Servire su un piatto insieme ai carciofi fritti, accompagnati da pane bruscato oppure come contorno per altre pietanze.

Fonte (e per maggiori info sulla “vignarola”): GamberoRosso.it

Proloco Dol: una delle migliori osterie romane!

Proloco Dol migliore osteria roma

Proloco Dol in una nuova “guida di Roma”: quella dell’articolo del blog di Luciano Pignataro, scritto da Virginia Di Falco, sulle 10 migliori osterie romane! I criteri:

  • cucina della tradizione romanesca
  • una carta dei vini non da rapina e/o vino della casa potabile
  • un (almeno) discreto rapporto qualità prezzo, mantenendosi sui 35-40 euro.
  • atmosfera accogliente e servizio informale

Su Proloco Dol a Centocelle:

Ha praticamente inventato un marchio di successo, Vincenzo Mancino, partendo (quasi) dall’acqua calda: Dol come Di Origine Laziale, prima un piccolo negozio con prodotti esclusivamente regionali; poi un’osteria con bottega in una zona di Roma che grazie anche a questo tipo di iniziative è riuscita a far emergere una propria identità comunitaria di quartiere.
Da non perdere: la pizza in teglia all’amatriciana e una puntatina al banco dei formaggi.

Vi invitiamo a leggere l’articolo completo direttamente alla fonte (http://www.lucianopignataro.it/a/dieci-migliori-osterie-tradizionali-roma/98903/) e vi invitiamo anche a verificare quanto scritto direttamente da Proloco Dol, in via Domenico Panaroli 35, Centocelle, Roma.

Chiuso la domenica, per prenotazioni: 06 24300765