“Il mio campo libero” al Circo Massimo con Vincenzo Mancino e Cibo Agricolo Libero

CcdDdI_WoAA35Qv

Cibo Agricolo Libero è il progetto, voluto e gestito direttamente da Vincenzo Mancino di Proloco Dol, per la realizzazione di un caseificio e dell’intera filiera di produzione all’interno della Casa Circondariale Femminile di Rebibbia e Sabato 5 Marzo, ore 11 sarà presentato nello Spazio Incontri di Campagna Amica al Circo Massimo di Roma.

Dal sito www.mercatocircomassimo.it:

Gli istituti penitenziari che svolgono attività agricola e di trasformazione alimentare all’interno delle mura carcerarie sono circa cinquanta. Le attività sono gestite direttamente dagli istituti o da cooperative sociali che provvedono anche alla commercializzazione. Pur in assenza di studi scientifici sull’efficacia del lavoro agricolo ai fini del reinserimento sociale, l’esperienza empirica dimostra un generale beneficio per le persone detenute che lo svolgono. La situazione carceraria è uno dei più scottanti problemi del paese, sia per quanto riguarda le strutture detentive, sia per la condizione dei detenuti. È importante attivare interventi finalizzati a creare una prospettiva meno afflittiva per persone soggette alla restrizione della libertà, anziché misure esclusivamente repressive. Ciò può avvenire attraverso la partecipazione attiva di tutte le componenti della società civile che hanno a cuore lo sviluppo della democrazia e della condizione di civiltà del paese.

L’articolo su Cibo Agricolo Libero dal sito del Gambero Rosso: Cibo Agricolo Libero. Il carcere di Rebibbia diventa caseificio e l’intervista a Vincenzo Mancino dal sito di Agrodolce.

La pagina web del progetto Cibo Agricolo Liberohttps://www.facebook.com/Cibo-Agricolo-Libero-1510084422624317/

 

Annunci